Pastificio Dalfiume Paola - Tortellini

Il tortellino: la nascita di una leggenda

“E l’oste, che era guercio e bolognese, imitando di Venere il bellico… l’arte di fare il Tortellino apprese.”

Non esiste una sola leggenda sulla nascita del tortellino: una delle più note sostiene che il piatto sia stato inventato a Castelfranco Emilia, in provincia di Bologna, presso l’antica locanda Corona. Secondo questa versione, pare che l’oste, colpito dalla bellezza di una nobildonna che alloggiava nella struttura, provò a sbirciare nella serratura della sua stanza… e vedendo il suo ombelico, decise di riprodurne la forma creando così un piatto irresistibile!
Esiste però un’altra variante della storia, più accreditata anche dal punto di vista culturale, e trae spunto dal poema scritto da Alessandro Tassoni nel XVII secolo: La Secchia Rapita. In quest’opera l’autore narra le gesta della battaglia di Zappolino e la guerra mossa dai bolognesi contro i vicini abitanti di Modena, in seguito al furto di una secchia di legno… ma il racconto di Tassoni coinvolge anche gli dei dell’Olimpo, ed è qui che il nostro tortellino fa la sua prima apparizione storica ufficiale! Sempre presso la Locanda Corona, scrive Tassoni che furono Bacco e Marte a sbirciare nella camera di Venere, la dea dell’amore. E fu proprio il suo ombelico ad ispirare la forma del nostro tortellino, un capolavoro di gusto e di bellezza creato appositamente dall’oste per celebrare le fattezze incantevoli della dea. Anche Giuseppe Ceri, figura di spicco dell’800 italiano, fu influenzato dal Tassoni fino a scrivere un suo poemetto sulla nascita del tortellino, di cui vi riportiamo qui la trascrizione integrale:

Quando i Petroni contro i Geminiani
Arser di fiero sdegno
Per la rapita vil secchia di legno:
E senza indugio armati
Accorsero di Modena alle porte
Minacciando mine e stragi e morte
Venere, Marte e Bacco,
Dal ciel discesi in terra
A parteggiare in quell’atroce guerra,
Vollero dar riposo
Al faticato fianco
Nell’antica osteria di Castelfranco
Dove la dolce notte
Dal Tassoni cotanto celebrata,
Venere innamorata
Tutt’intera trascorse
In braccio ora di Marte, or del Tebano,
D’onta coprendo lo zoppo dio Vulcano.
Ma, giunta la dimane
Mentre il carro d’Apollo
Senza il menomo crollo
Della volta del cielo era salito
Alla più eccelsa parte,
Bacco ed il fiero Marte
Zitti e cheti, lasciata in letto sola
La divina compagna,
Andarono a girar per la campagna.

Dopo un profondo sonno
Venere gli occhi dolcemente aprio
E non veggendo l’uno e l’altro dio
Giacere ai fianchi suoi,
Tale tirata diede al campanello
Che fece risonar tutto il Castello.
L’oste che stava intento
Ad aggirar l’arrosto
Le scale come un gatto ascese tosto,
E nella stanza giunse,
Dove in camicia, seduta sul letto
In volto accesa d’ira e dì dispetto
Stava la diva donna,
Di cui la sera innanzi ebbe opinione
Ch’egli fosse un bellissimo garzone.
-Sai tu, villan cornuto,
Ove son iti i due compagni miei?     – Signora, io non saprei,
Pronto rispose l’oste;
Ma dianzi per istrada
Quel dal pennacchio rosso e dalla spada
Guardandomi in cagnesco,
M’ha detto a mala pena
Che questa sera torneranno a cena.

A siffatta notizia
Venere bella serenò le ciglia;
Poi con gran meraviglia
Dell’oste lì presente
Come se fosse sola,
Le candide lenzuola
Spinse in mezzo alla stanza,
Le belle gambe stese,
Dall’ampio letto scese
Con un salto sì poco misurato
Che sollevandosi la camicia bianca,
Poco più su dell’anca,
Onde l’oste felice
(Lo dico o non lo dico?)
Di Venere mirò il divin bellico!

Ma non si creda già
C’he a quella vaga e seducente vista
Pensieri di conquista
L’oste pudico entro dì sé volgesse;
Anzi un’idea soavemente casta
D’imitar quel bellico con la pasta
Gli balenò nel capo;
Ond’egli qual modesto cappuccino,
Fatto alla Diva un riverente inchino
In cucina discese;
E da una sfoglia fresca
Che la vecchia fantesca
Stava stendendo sovra d’un tagliere,
Un piccolo e ritondo pezzo tolse,
Che poi sul dito avvolse
In mille e mille forme
Tentando d’imitare
Quel bellico divino e singolare.

E l’oste ch’era guercio e bolognese,
Imitando di Venere il bellico
L’arte di fare il tortellino apprese!

“La nascita del tortellino: l’ombelico di Venere.”
Poemetto ottocentesco di Giuseppe Ceri